home > spettacoli

elenco spettacoli


i salvadeghi
Rielaborazione e regia di Maria Gloria Filippini

"Tomio Piton", un cancaro de omo, el vole maridare la fiola senza gnanca che la veda el moroso, ma se intromette le done che le fa in modo che i do butei i possa vedarse e ...

Solo l'intreccio della vicenda è tratto da "I Rusteghi" di Goldoni, mentre la psicologia dei personaggi è stata modificata e così pure il linguaggio che, frizzante e colorito, rispecchia quella parlata dialettale locale che purtroppo oggi va scomparendo.
El Mas'cio de Dante
Regia di Maria Gloria Filippini

1996-2016
Questo lavoro viene proposto dalle due compagnie unite per ricordare i 20 anni di attività teatrale svolta con gioia, gratuità, serietà e impegno, ottenendo grandi soddisfazioni e divertendo l'affezionato pubblico.

Nel cortile di Dante Paieta si tiene il processo al maiale, al mas'cio, accusato del parroco di essere sporco, lussurioso, incontinente e di essere la causa della "perdizione eterna" di tanti parrocchiani che del maiale sono i difensori.
Con queste accuse il prelato di vendica anche per non essere stato invitato "a na gran magnada de mas'cio" a cui hanno partecipato i notabili del paese.
La povera bestia sarà condannata ad essere macellata, ma risorgerà in salami e cotechini prendendo tutti per la gola. Ma cosa succederà a casa Paieta quando l'anno dopo verrà ammazzato un'altra volta il maiale? Il finale è a sorpresa.
La riproposta dell'antico rito dell'uccisione del maiale è il pretesto per uno spaccato di vita contadina delle nostra terre, per ricordare senza nostalgia, le nostre radici e per rispetto verso la vita dura e disperata dei nostri "veci"; il tutto èM condito con un pizzico di umorismo e di ottimismo perché "la vita la se impara vardando indrio, ma la se vivve andando avanti".

Clicca qui per scaricare la locandina
el tiro birbon de un vecio impestà
Testo e regia di Maria Gloria Filippini

"El poro Remo l'à tirà le lache e i cari parenti – serpenti, dopo tante scene de disperazion i se desgropa davanti al caro estinto che "come morto non ghe gnente da dire, ma come vivo ..."
Ma come sia o non sia, Remo el cata el modo de vendicarse de quei che in vita i gà voluo male e de premiare chi gà dimostrà un cincin de afeto come Quasimodo el servo gobeto che ..."

In questo lavoro sono stati curati in modo particolare i dialoghi, le battute dialettali che risultano molto vivaci, spontanee, immediate, prestando attenzione a recuperare termini e modi di dire che oggi si sentono pronunciare solo da alcuni anziani. Per questo sono state consulate le pubblicazioni di D. Coltro, di G. Rama e di G. A. Cibotto.
co le ciacole no se impasta fritole
Testo e regia di Maria Gloria Filippini

Il sessantenne Giazinto (compìa la sessantina ghe n'è una ogni matina) si invaghisce di Miranda, giovane di facili costumi e la accoglie in casa sua assieme alla madre. Nascono naturalmente dei contrasti con la figlia Gentilina innamorata di un giovane spiantato. Miranda, con la complicità dell'amante, della madre e della serva, affretta il matrimonio con Giazinto inventando una gravidanza diagnosticata anche da una compiacente "comare". L'inganno viene scoperto e il finale è a sorpresa. A buon ragione, in uno sprazzo di lucidità, il vecchio Giazinto può dire che "co le ciacole no se impasta fritole".
l'albaro ginecologico
Testo e regia di Maria Gloria Filippini

"Don Bepo convoca Rosalia ricca italo-americana, per darle tutte le informazioni sulla famiglia del fidanzato Achille. I parenti, equivocando, ritengono che l'arciprete voglia scoprire gli "altarini di famiglia". Corrono a confessarsi, contando sul segreto del sacramento, ma portando a conoscenza delll'ignaro prete una serie di "peccati" nascosti.
Grazie ai fatti e ai vizi palesati, l'albero genealogico della famiglia si trasforma in "ALBARO ... GINECOLOGICO".
el dotor de le buganze
Testo e regia di Maria Gloria Filippini

"A pestar su la coa un can, el se olta indrio anca lu" sentenzia Regina, la serva bistrattata ed umiliata da gestori e clienti dell'albergo Baladoro, famoso centro termale, frequentato dalla "gente bene" della Bassa, desiderosa di ritrovare la salute e nello stesso tempo di divertirsi in modo più o meno onesto. La serva attua la sua vendetta mescolando le pillole preparate dall'erborista "Checo Erba" che ha un rimedio per ogni male. Ma cosa può capitare se per sbaglio viene dato un purgante a chi ha la diarrea, un tranquillante a chi ha problemi di virilità o un eccitante a chi è teso e nervoso?
E se i più svariati problemi di salute, esasperati dallo scambio delle medicine, si intrecciano alle tresche, agli equivoci, agli imbrogli?
Che tragedia, o meglio...che commedia!
Ma...ma spesso le cose non vanno come ci si aspetterebbe...perché il caso oppure le circostanze contribuiscono a produrre sviluppi diversi e allora...come finirà la vicenda? In qualsiasi modo finisca "el dotor Checo Erba erborista e cunzaossi" verrà ricordato come "el dotor de le buganze".
al cor no se comanda
Regia di Maria Gloria Filippini
Testo liberamente tratto da "Kraphen e dentiere" di Silveria Gonzato


Gli amori della terza giovinezza sono molto più belli. Forse perché li vivi nel presente, forse perché gli incontri sono più veri, più nobili, più austeri... ma saggiamente appassionati... sono un compenso degli antichi errori della prima e seconda giovinezza...

Nell'ospizio di S. Stracampio dove gli ospiti vivono di ricordi, di dispetti e di litigi, nascono degli amori travolgenti perché "...non ghe n'è de veci...a ghe dei zoeni con qualche ano in più, ma col fogo ne le vene e po...i kraphen i se gusta anca con le dentiere...al cor no se comanda".
la reson l'è dei mati! - compagnia teatrale "i malmauri"
Regia di Maria Gloria Filippini

Siamo nel 1957, in casa di Antonio Roversi, umile sarto bistrattato dalla moglie e poco considerato dalle figlie. L'arrivo improvviso, però, della soubrette Lulù, getta lo scompiglio nella famiglia e rovescia la situazione; in questo modo Antonio, sostenuto dal fedele amico Luigi, si prende la rivincita sulle "sanguisughe" che vivono alle sue spalle e cancella in questo modo una marea di umiliazioni e frustrazioni. La fine sembra scontata ma... dice un proverbio "Ogni veronese l'è paron de tre "m": musicante, medego e mato".
Allora di chi è la ragione? "La reson l'è dei mati!"
El rufian
Regia di Maria Gloria Filippini

Commedia brillante in 2 atti, in dialetto veronese.
Testo di Maria Gloria Filippini, liberamente tratto da "Il Tartufo" di Molière

Clicca qui per scaricare la locandina